edizione 2009

Serata finale: 21 Giugno 2009 CAFFE' FANDANGO, Roma

Meltin'Pot ha colpito ancora.
Dopo il successo della prima edizione di “Corti and Cigarettes”, la prima rivista di approfondimento culturale senza pubblicità della capitale è tornata a cercare e scovare i migliori artisti emergenti del panorama cinematografico italiano.
72 corti inviati e 7 finalisti, 2 proiezioni speciali, una giuria interna per selezionare i migliori lavori e una giuria di qualità per decretare il vincitore tra i magnifici sette. Questi i numeri del secondo episodio di “Corti and Cigaretts”, con serata finale sempre a Roma, sempre nel ricercato Caffè Fandango nella suggestiva Piazza di Pietra.

Le cose sono state fatte in grande stile: l'appuntamento era alle 20:30 per un ricco aperitivo all'ombra del Tempio di Adriano a cui hanno partecipato cinefili incalliti, curiosi e volti noti come l'attore Ludovico Fremont, il popolare Walter dei “Cesaroni”, e l'attrice Corinne Cléry, madrina del festival e diva del cinema italiano anni '70 e '80 nonché indimenticabile bond girl di “Moonraker” con Roger Moore.
Soddisfatto gusto e olfatto, cinefili e addetti ai lavori hanno potuto deliziare anche la loro vista con la proiezione dei cortometraggi finalisti.


Ha aperto le danze il primo dei due corti fuori concorso “Poor baby” (2'30'') di Valentina Caliguri: montaggio da videoclip, forte ispirazione newyorchese e richiami ad Andy Warhol, esplicitamente citato con un volume di foto posto su un tavolino, pellicola in elegante bianco e nero. Una ragazza è ritratta in atteggiamenti “sconvenienti”: va al bagno, rutta bevendo birra e si masturba con un vibratore. Ironica e originale rappresentazione dell'essere femminile che gli uomini e la società vorrebbero ipocritamente nell'apparenza perfetto e quasi inumano. Anche le  donne emettono gas.

E' stata poi la volta del primo corto in concorso: “Harry Partch volume 1” (2'30'') di Guglielmo Manenti. Cortometraggio d'animazione folle e visionaria: dimenticate i dolci animaletti disneyani, qui siamo decisamente in un giardino delle delizie di boschiana memoria, in cui strane creature si fagocitano l'un l'altra, l'inizio è mescolato con la fine e il comune denominatore di tutte le strane creature che vediamo sullo schermo è una caffettiera. La caffeina come perno centrale della società contemporanea.

Di tutt'altro tipo il commovente “Il cappellino” (15') di Giuseppe Marco Albano: la malattia è un momento doloroso e difficile nella vita delle persone, ma quando a stare male è un bambino sembra che tutto il mondo sia ingiusto e orribile. Qui grazie ai vivaci colori di un cappello vediamo che la vita è ancora possibile nonostante le sofferenze: negli occhi della piccola Clara finalmente tornata alla vita c'è la speranza nel futuro che la vita a volte ci strappa via. Il tutto accompagnato dalla bella colonna sonora originale di Danilo Caposeno. Nel cast anche Regina Orioli.

Dalla malattia fisica a quella dello spirito: in “Forte debolezza” (5'20'') di Francesco Costantini, Andrea Roncato e Alex Partexano sono due uomini impietriti di fronte all'angosciante peso della routine quotidiana, simboleggiata dalle scale che portano verso casa. Divertente e amaro allo stesso tempo.

Si è continuato con “Anima incompresa” (3'28'') di Erika Fiscella: secondo corto di animazione della serata, disegno semplice e dai toni pastello dall'effetto emozionante. In poche immagini l'autrice ha saputo emozionare lo spettatore immergendolo nel mondo dei non udenti, mondo che per i più è distante, sconosciuto e spesso non capito.
Un lavoro difficile che sorprende per la sua forza.



Temi duri anzi durissimi per “La culpa del otro” (18') di Ivan Ruiz Flores: bianco e nero drammatico, un bambino, una stanza e sua madre. Spastica. Nessun rumore se non i versi quasi bestiali della donna, corpo fuori controllo e anima disperata. Il figlio attraverso un buco nella parete spia la famiglia felice che vive nella casa accanto. Ma tanta normalità è solo apparente. Il regista con immagini crudissime ci pone diversi interrogativi: chi è il vero malato? Chi non avendo nessuna colpa ha avuto la sfortuna di ammalarsi o chi si approfitta della debolezza altrui? L'innocenza è mortificata dal brutto o dalla violenza? E soprattutto: perché nessuno ha il coraggio o la forza di denunciare gli orrendi crimini che quasi ogni giorno vengono compiuti dentro le mura domestiche? Con un'opera quasi straziante il regista ci mette di fronte alla nostra stessa ipocrisia, ipocrisia di chi non vuole vedere certe cose, non vuole ascoltarle e nemmeno ammettere che accadano.
In questo modo le colpe dei padri ricadranno sempre sui figli.
Un corto non facile, crudo, ma per questo anche importante e coraggioso che ha suscitato forti polemiche: ci sono state perfino contestazioni in sala. Segno che ha decisamente centrato lo scopo.

Si è passati poi al secondo cortometraggio in concorso di Francesco Costantini: “La fiducia” (9'20''). Protagonisti la giovane coppia d'oro del cinema italiano Luca Argentero e Miriam Catania, che qui sono una coppia in crisi tra bugie e sotterfugi in cui non sempre le cose sono come sembrano. Siamo dalle parti dell'ironia amara di “L' ultimo bacio” di Gabriele Muccino.

L'ultimo corto in concorso era “Opinioni” (17') di Claudio Bandelli: ispirandosi a “Coffee and Cigarettes” di Jim Jarmusch, il regista ci pone di fronte a tre episodi – L'autografo, La palestra e Il tradimento – in cui altrettante coppie di ragazzi dissertano riguardo a luoghi comuni del quotidiano di ognuno di noi. Il tutto realizzato con l'aiuto dell'irresistibile accento toscano, terreno fertile per una comicità garbata e divertente, e, tra una birra e l'altra, il regista ci regala anche qualche riflessione interessante. Il corto ha creato anche un simpatico effetto di “citazione nella citazione” visto che “Coffe and Cigarettes” è il film che ha ispirato il nome del concorso organizzato da Meltin'Pot.

 

La proiezione si è poi conclusa con “Il torneo” (15') di Michele Alhaique: presentato al prestigioso Tribeca Film Festival e vincitore del Nastro d'argento, il corto parla di un gruppo di ragazzini di un quartiere popolare di Roma, in cui il calcio e l'amicizia sono la cosa più importante. Vessati dal bulletto della zona i ragazzi imparano in fretta come va il mondo e devono decidere se essere pecore in pasto ai lupi o lottare per ottenere quello che vogliono. Di vago ricordo pasoliniano, il corto vanta un sorprendente cast di attori-bambini che sono convincenti e coinvolgenti. Fa la sua figura anche Lorenzo de Angelis, doppiatore e attore professionista, nel ruolo del bullo.

Alla fine della proiezione la giuria si è ritirata per assegnare i premi. Giuria composta da: Maurizio Ponzi, di nuovo presidente di giuria per “Corti and Cigarettes”, che vanta collaborazioni illustri con Pasolini, Nuti e autore di fiction di successo come “Il bello delle donne” e “E poi c'è Filippo”; Annamaria Liguori, script supervisor di film cult come “Bianco, rosso e verdone”, “Borotalco” e cuore pulsante della manifestazione; Giancarlo Scarchilli, che di recente ha realizzato “Scrivilo sui muri” con Cristiana Capotondi e Primo Reggiani; Giuseppe Francone, direttore di produzione di film di grandi registi come “Allónsanfan” dei Fratelli Taviani e “I cannibali” di Liliana Cavani; Alfredo Covelli, autore di fiction popolari come “I liceali” e “Piper”; Marco Filiberti, artista poliedrico dai molti talenti, attore, scrittore, cantante e ballerino e da qualche anno anche regista, presto porterà in sala il suo nuovo film “Il compleanno” con Alessandro Gassmann e Piera Degli Esposti; Gian Paolo Cugno, regista siciliano autore di “Salvatore – Questa è la vita”; Valentina Fratini, giovane sceneggiatrice di talento, che vanta anche esperienze dietro e davanti la macchina da presa e Marta Bifano, attrice nel recente “Hotel Meina” e in fiction importanti come “Caravaggio”.

I premi sono stati così assegnati: vincono ex aequo il premio di Miglior Corto “Anima incompresa” di Erika Fiscella e “La culpa del otro” di Ivan Ruiz Flores, che si aggiudica anche il premio per la Migliore Interprete per Montse Ortiz. Miglior Soggetto è stato quello di Giuseppe Carlo Albano e Carla Marcialis per “Il cappellino”.
Un'emozionatissima Erika Fiscella ha ringraziato commossa tutti e lo stesso vale per Albano, che si è detto contento della visibilità che ha ottenuto il suo lavoro, più loquace il portavoce di Ivan Ruiz Flores, che ha spiegato che l'opera e il suo stesso titolo sono una provocazione, quasi nessuno vuole parlare di argomenti difficili e scabrosi e “la colpa dell'altro” è proprio questa. Il portavoce ha poi ribattuto ai rumori e alle contestazioni avvenute durante la proiezione dicendo che il cinema parla attraverso mezzi non comuni ma è sempre frutto del lavoro di molte persone e per questo merita rispetto, qualunque sia l'argomento di cui tratta.
La madrina della serata Corinne Clery, che ha consegnato i premi, ha sottolineato che eventi come questo sono fondamentali per dare spinta e visibilità ai giovani autori che cercano di entrare nel circuito cinematografico e che dare un'opportunità ai giovani è una cosa che la inorgoglisce; lo stesso ha detto Scarchilli sottolineando inoltre la differenza tra il cinema italiano, maestro nel campo della commedia e della poesia, e quello spagnolo più diretto e provocatorio.

Una seconda edizione che ha quindi replicato e superato il successo della precedente, con cortometraggi di qualità notevole e una direzione artistica coraggiosa che non ha avuto paura di mostrare opere dai temi forti e provocatori che spesso non trovano spazio in festival più patinati e meno vicini alla realtà quotidiana.

Un appuntamento da non perdere dunque per il pubblico cinefilo più esigente della capitale che già pregusta la terza edizione per farsi piacevolmente stupire ancora una volta.


 

News

Corti and Cigarettes: il meglio di cinema, musica e danza

CORTI AND CIGARETTES: IL MEGLIO DI CINEMA, MUSICA E DANZA Si è chiusa con un grande successo di pubblico e critica la manifestazione della Capitale…

LINA WERTMULLER MADRINA DEL FESTIVAL

Sarà la splendida Lina Wertmuller a inaugurare il Gran Galà di Premiazione della VII edizione del Festival Internazionale del Cortometraggio Corti and Cigarettes domenica 5…

IL PROGRAMMA DELL'EDIZIONE 2014

PROGRAMMA UFFICIALE Roma, 4-5 ottobre 2014 Auditorium Conciliazione – via della Conciliazione 4     SABATO 4 OTTOBRE     14.30-17:00: CORTI INTERNAZIONALI   In…


Copyright © 2019 CORTI AND CIGARETTES è di proprietà di A.C. Meltin'Pot - P.Iva 09250301000