edizione 2009

Corti, sigarette e il cinema di domani

Presentazione del Direttore Artistico

Finisce oggi la seconda edizione di Corti and Cigarettes, anche quest’anno 7 i finalisti che si contenderanno i 3 premi decretati da una giuria tecnica di esperti del settore: Miglior Corto, che vincerà un’esperienza di due settimane su di un set cinematografico, Miglior Interprete, che sancirà la miglior interpretazione del materiale in finale, e Miglior Soggetto, che vorrà render giustizia al corto che ha avuto la miglior ispirazione.

I 7 corti selezionati hanno superato l’esame di una giuria interna alle nostre redazioni (M’P – Avanguardia culturale e www.mpnews.com) uscendone vincitori tra più di 70 partecipanti. Tra gli esclusi una menzione particolare e doverosa va a Camera oscura di Ermete Ricci, a Tipo otto e mezzo di Francesco D’Ignazio, a Home di Francesco Filippi, a Il mio nome non è importante di Emanuele Pisano e a Asade di Daniele Balboni.

Ma questa è la serata dei sette: Harry Partch volume 1, Il cappellino, Forte debolezza, Anima incompresa, La culpa del otro, La fiducia, Opinioni.

Una finale quanto mai assortita, che spazia tra i generi in maniera trasversale. L’animazione sperimentale di Guglielmo Manenti in Harry Partch vol.1 verrà contrapposta a quella più tradizionale di Erika Fiscella, che in Anima incompresa paleserà in maniera magnifica e toccante le difficoltà dell’essere non udente.

Le tinte forti e le tematiche scottanti sono state per noi il fil rouge della preselezione: la condizione di spastica e madre nello spagnolo La culpa del otro, l’onerosa riabilitazione sociale di una bambina che torna a vivere dopo il baratro di una malattia ne Il cappellino.

Uno sguardo impegnato e pregno di vita vissuta quello dei corti in finale, che viene edulcorato dalle opere di Francesco Costantini, Forte debolezza e La fiducia, che, in maniera diversa, si prendono beffa dell’esistenza e delle sue inesorabili stagioni e contraddizioni.

Abbiamo voluto chiudere con Opinioni di Claudio Bandelli, una banda di toscanacci che, partendo da quel Coffee and Cigarettes di Jim Jarmush, omaggiato tra l’altro nel corto dai fiorentini, che ha ispirato in primis la nostra manifestazione, ci regala un trio di episodi divertenti e coloriti, rubando a Jarmush l’immagine, per l’appunto, e alla generazione Tarantino il piglio sceneggiativo.

Il materiale fuori concorso che proponiamo quest’anno tocca due opposte realtà dell’industria cinematografica odierna, due prodotti agli antipodi che però, insieme, ben fotografano le velleità nostrane del cinema che avanza.

Lo spirito sperimentale ed underground di newyorkese formazione, i riferimenti alle videoinstallazioni di Warhol sono palesati nei primi fotogrammi, caratterizzano il Poor baby della giovane videomaker romana Valentina Caligiuri, in un manifesto filmico della nuova globalizzazione dell’immagine, e dell’immaginario, underground che caratterizza le nuove generazioni ‘occidentali’ di artisti.

Sempre a New York, ma con un prodotto italianissimo, ha avuto la sua importante vetrina l’altro corto fuori concorso. Il torneo di Michele Alhaique è stato infatti l’unico esponente italiano a fare capolino al prestigioso, soprattutto per la qualità dei prodotti selezionati più che per la vivacità glamour del red carpet, Tribeca Film Festival del buon vecchio Bob De Niro. Un corto che poggia sulle sorprendenti interpretazioni di un cast giovane e di straordinario livello (su tutti Danilo Meloni e Lorenzo De Angelis), che racconta il bullismo e le dinamiche sociali  della periferia romana, e che non è passato inosservato neanche a livello nazionale, assicurandosi il Nastro d’Argento.

Di tutto un po’, si potrebbe azzardare. Uno sguardo disinteressato al panorama del cortometraggio e, soprattutto, del cinema emergente. A voi una serata, ed un festival più in generale, che vuole fare a spallate violente con le manifestazioni, capitoline e non, più patinate e spesso ‘pilotate’ da dinamiche commerciali e produttive di stampo clientelare.

 

Buona visione.

Il direttore artistico, Tommaso Ranchino

 

News

Corti and Cigarettes: il meglio di cinema, musica e danza

CORTI AND CIGARETTES: IL MEGLIO DI CINEMA, MUSICA E DANZA Si è chiusa con un grande successo di pubblico e critica la manifestazione della Capitale…

LINA WERTMULLER MADRINA DEL FESTIVAL

Sarà la splendida Lina Wertmuller a inaugurare il Gran Galà di Premiazione della VII edizione del Festival Internazionale del Cortometraggio Corti and Cigarettes domenica 5…

IL PROGRAMMA DELL'EDIZIONE 2014

PROGRAMMA UFFICIALE Roma, 4-5 ottobre 2014 Auditorium Conciliazione – via della Conciliazione 4     SABATO 4 OTTOBRE     14.30-17:00: CORTI INTERNAZIONALI   In…


Copyright © 2019 CORTI AND CIGARETTES è di proprietà di A.C. Meltin'Pot - P.Iva 09250301000